Archivio tag | Racconto

E sono arrivata a 26.. e riparto da qui..

Ed eccomi di nuovo a contemplare di avere un anno in più e fare il punto dell’anno passato.. sabato scorso ho tagliato il traguardo dei 26 anni.. non mi sembra proprio di averli, anche perchè mi mancano ancora così tante cose da fare.. e purtruppo ho ancora molti ostacoli da superare e se qualcuno pensa che sia normale beh io credo che alcune persone qualche problema in più ce l’hanno, fosse anche solo sfortuna..

Ma non voglio guardare al passato pensando solo a quello che ho perso, che non è poco, e quello che ancora non ho ottenuto e che vorrei, che è tanto.. archiviando un altro anno nella mia vita posso dire che mi sento davvero un pò più matura.. d’altra parte le sofferenze almeno a qualcosa servono..

il lavoro è quello che è ma dati i tempi in cui viviamo meno male che c’è, a volte è dura ma per fortuna ho colleghe simpatiche, certo non è quello che volevo, non segue le mie ispirazioni, non è la perfezione ma non è nemmeno l’ultima cosa che farò.. Continua a leggere

Un sorriso inaspettato..

Allora è vero che quando non ci si aspetta proprio più nulla succede qualcosa..!? mi ero già rassegnata a dondolare nel limbo dell’incertezza, avvolta però da un senso di pace come se avessi accettato quel mutamento tanto scomodo che ci ha portati fin qua, ma soprattutto quel vuoto che prima faceva tanta paura e che era inevitabile.. perchè poi arriva un momento in cui ci si stanca di stare sempre a combattere contro un nemico che in realtà si ama.. e io volevo sopperire alla tua mancanza con quanto di bello mi avevi lasciato.. poi come a sentire un richiamo che non ti avevo mandato, sei apparso.. ti ha sorpresa vedere che sorridevo alla tua presenza come se non te ne fossi mai andato? forse si, o forse no, ma forse stai cominciando a capire che sto davvero cambiando.. penso che c’è una parte di Te che ha bisogno ancora di me, ma non è questo che mi consola, la mia vera speranza è che a dispetto dei clichè quel legame che ci ha fatti crescere insieme e anche divisi, ci terrà comunque sempre uniti.. certo dovrò sempre lottare affinchè i miei sentimenti non oltrepassino i limiti che ci siamo imposti, non voglio dire che sarà facile ma so che adesso posso farlo.. e poi c’è troppo poco tempo e non voglio sprecare nulla di quello che mi dai perchè se anche non è amore è qualcosa che ti viene da dentro.. e così togliendo quel velo di rabbia e malinconia c’è più luce per vedere il tuo sorriso.. e io adoro il tuo sorriso..

Terrò quel senso di Te..

Nel caos che mi circonda e nel vuoto che sento dentro voglio cercare di isolare le cose belle di un tempo.. per salvarle dalla tristezza che corrode e dalla depressione che rende cupe le giornate.. voglio tenere con la forza di quello che resta di un sentimento tanto bello tutto il tuo essere per me

non è che io non riesca a fare a meno di Te è che inevitabilmente ti penso e mi fermo a ricordare e allora si fanno strada nel mio cuore tante di quelle emozioni che come mulinelli di vento spazzano via ogni certezza.. forse sono davvero cresciuta e maturata se riesco a scrivere senza piangere, se riesco a pensare alle tue scelte senza arrabbiarmi.. no non sono arrabbiata, ferita si, certo, eppure non sono arrabbiata con Te.. non so cosa ancora spinge il mio cuore a fare un balzo d’amore e pensarti con la dolcezza di chi si ha sempre accanto.. e voglio tenerti così, sempre vicino seppure lontano, distante anni luce da me con la mente e forse anche con il cuore.. eppure questo senso di Te che è cresciuto forte e nitido dentro di me è immenso ed ha intrecciato le sue radici con quelle della mia anima e non è possibile, ne lo vorrei, di strapparla via.. quei piccoli momenti di felicità che mi hai regalato sono grandi tesori a cui non si può rinunciare, che non è possibile dimenticare.. che voglio tenere

Continua a leggere

Non ti sognerò più..

E’ tempo di ammettere che ormai sei uscito dai miei sogni..dirlo fa uno strano effetto ma non fa più male di quanto non ne sentivo già prima.. Ci pensavo l’altra sera riflettendo su quanto ero cambiata negli anni, sopratttutto gli ultimi.. non è mai facile mettere la parola fine a qualcosa che è stato davvero importante, speciale.. in realtà non era una fine che volevo ma un mutamento del rapporto che infondo già si era trasformato.. il cambiamento mi stava bene perchè volevo salvaguardare quello che di buono ci poteva ancora essere, come un’amicizia vera.. Tu per tre anni sei stato un punto di riferimento, un appiglio, un rifugio, un’ancora di salvezza in mezzo al mare in tempesta e volevo restassi tale, credevo sarebbe sempre stato così anche per Te.. pensavo che tolto il divertimento c’era un bisogno più profondo di avermi vicina.. per me era così.. ma forse era un desiderio solo mio.. forse quello che era speciale per me non lo era altrettanto per Te.. non più almeno, e adesso sono troppo stanca, troppo delusa e ferita ed ho versato troppo lacrime, per Te, per questa vita, così tante che ora sono rimasta senza e non verrò a cercarti questa volta.. non tenterò di trovare una soluzione.. non t’inseguirò.. Continua a leggere

Un sogno chiamato Amore.4

  • Male invisibile

Quante cose nel suo cuore sono cambiate negli ultimi anni, sentimenti ed emozioni così violenti da sopraffarlo ogni volta che lo attraversavano, eppure lei cammina ancora a testa alta sfidando il futuro, piangendo su ogni ferita, sorridendo ad ogni speranza.. follia dicono molti, basta cancellare gli errori, scolorire i volti, riavvolgere il nastro dei ricordi e gettarlo nell’ultimo cassetto della mente.. follia lo stesso risponde lei il suo cuore non sarà mai una lavagna che basta cancellare e il buio torna a far da sovrano impadronendosi di quel vuoto apparentemente sereno.. si è adattata ai mutamenti degli animi, abituata a perdere frammenti di felicità, chinandosi ad esigenze che non saranno mai sue, a vedere il suo sole allontanarsi dietro la collina chiedendosi se e quando tornerà.. tuttavia di fronte a queste spine che le lacerano il cuore, affondando di più nella carne viva ad ogni movimento sbagliato, frenetico battito inconsueto ma inevitabile, si chiede come può combattere qualcosa che non vede e se non sia quindi una battaglia già persa in partenza.. e se valga la pena resistere e non piegarsi a quella infinita tristezza.. non sa la risposta ma sa che se non continuerà a cercare non troverà mai nulla e che quel male che lei sente, inquilino invisibile del suo cuore, non andrà via dimenticando, ma può cambiare quando anche lei riuscirà ad evolvere..

 

Lei: Metti al centro le tue esigenze senza chiederti se qualcosa può ferirmi..

Lui: Sono solo sincero, non credo di doverti molte spiegazioni!

Lei: Infatti non servono spiegazioni, ma mi chiedo perchè prima eri più premuroso..

Lui: Si cambia..

Lei: Penso che solo le cose effimere cambiano con così tanta facilità..

Lui: Non mettere in dubbio i miei sentimenti per te!

Lei: Non lo faccio ma..

Lui: Tu e io vogliamo cose diverse!

Lei: Credo invece che vogliamo la stessa cosa ma la cerchiamo in posti diversi!

Lui: Sei sicura che tu cerchi nel posto giusto?

Lei: Seguo il mio cuore..

Lui: Lo so, ma non vuol dire trovare la felicità..

Un sogno chiamato Amore.3

  • Accarezzare il vento

In mezzo a quella gente sconosciuta si sentiva un’estranea in casa sua, non riusciva nemmeno a mettere a fuoco i vari volti e vagava tra loro come un fantasma, in cerca di uno specchio per vedere se realmente esisteva oppure anche lei era un’immagine confusa tra i colori del giorno.. ma poi uno sguardo incrociato con naturale casualità  le donò una forma precisa, scolpita dai battiti del suo cuore come lo scalpello in mano allo scultore scolpisce la pietra lei prese vita.. lui era vero, nitido, non era astratto come tutti gli altri.. tra i rumori delle chiacchiere altrui restava solo un correre frenetico di un cuore in un silenzio innamorato.. ecco lui che la conosce può vederla così come lei che conosce lui può vederlo, non è un gioco d’illusioni è vedere oltre quello che vedrebbe chiunque, è sentire con un cuore soltanto loro, toccare il vento che non ha forma e sentirne tutta la sua presenza.. non aveva dubbi che quello che sentiva e gli altri non vedevano era reale..

 

Lui: Mi piace ascoltarti.. credo che a chiunque piacerebbe..

Lei: Non riesco a parlare così apertamente con tutti!

Lui: Sei timida!

Lei: Non è solo questo.. a te voglio mostrare quella che sono.. farmi vedere in ogni mia più piccola sfumatura, senza nascondermi o mascherare emozioni e sensazioni..

Lui: Nuda e cruda?^^

Lei: Fai pure lo spiritoso u.u ma sono i sentimenti che provo per te che mi spingono a farti vedere semplicemente quella che sono.. senza difese ma con la voglia di farmi scoprire..

Lui: Non merito tutto questo..

Lei: Ma non potrei fare altrimenti..

Lui: Però non voglio che questo esaurisca tutte le tue forze..

Lei: Non accadrà perchè è anche questo che mi da forza..

Lui: Dovrei fidarmi? u.u

Lei: Il bello del cuore è che non c’è un limite d’amore che può elargire!

Lui: Il tuo cuore sicuramente ha una riserva infinita!

Lei: Non saprei.. prima d’incontrare te certe cose nel mio cuore non le avevo mai sentite..

Un sogno chiamato Amore.2

  • Il mare calmo

Guardava scorrere il tempo, lentamente, come si trovasse in mezzo al mare.. nessuna barca all’orizzonte, niente nuvole nel cielo, nemmeno il sole affacciato sul pelo dell’acqua.. un mare calmo in apparenza, quel mare che le faceva tanta paura e che invece lui amava tanto.. ma sotto quel mantello liquido cosa si nascondeva? lo sguardo non riusciva ad oltrepassare quei bui abissi ma lei sapeva, mostri nascosti dormivano cheti in attesa della notte per uscire a caccia, e lei lì, da sola, nessuno a proteggerla, facile preda.. guardava inerme e aspettava..

 

Lei: Sono bella.. a volte le mie paure mi impediscono di vederlo..

Lui: Si sei bella e dolce!

Lei: Però non basta..

Lui: Per cosa?

Lei: Per essere felice..

Lui: Ma perchè non ti impegni abbastanza!

Lei: Forse perchè il mio cuore e la mia testa vanno in due direzioni opposte!

Lui: Di alla testa di mettere il cuore in valigia e portarselo dietro!

Lei: E’ così che fai tu?

Lui: Più o meno..

Lei: E chissà quando si aprirà quella valigia..

Lui: Ti preoccupa?

Lei: No non mi preoccupa quando.. ma chi l’aprirà!

Lui: Non puoi farlo tu..

Lei: Appunto